Tag

,

…trilingue…

Sourtoe Cocktail Club

roberta dapunt Roberta Dapunt, poetessa della Val Badia, trilingue: italiano, tedesco e ladino, rappresenta una delle voci più interessanti del variegato panorama letterario italiano. Già uscita per Einaudi  nel 2008 con “La terra più del paradiso”, ora si ripropone con Le beatitudini della malattia, dedicato sostanzialmente al malato in senso lato, e in questo caso ai malati di Alzheimer. Tutta la raccolta è un continuo dialogo con una madre immaginaria: Uma, che in ladino significa appunto “madre”, e che nelle note si identifica come una madre universale. Chiaramente io non so quanto di personale ci sia in questa silloge, ma il rapporto con i versi è talmente sentito da presupporre uno stretto legame autobiografico, o perlomeno di un’esperienza diretta della poetessa. La poetica della Dapunt è sempre a cavallo con un lirismo intenso quando colloquiale, ove si alternano con una splendida unità di stile riflessioni ed emozioni, rapporti e sentimenti. Il tutto…

View original post 635 altre parole

Annunci