Tag

, , ,

Un pòpul c as tira só pr’al nès c’al g’à un sò diu
c’al la prutégia,
e ‘I fulmina i nimis, c’al fàga pur…
Ma me cus atri riin végna,
cus g’òi da tè con lü?
Mé g’ò ‘I me dio me murùs,
m’al suri tirè só me, c’al m’era scus…
E me mìal tégn gelùs, ‘me ‘l me uséll,
n’al mùstr’a ‘nzói,
ca sarìs vargugnùs.

IL MIO DIO

Un popolo
che si tira su per il naso che à un suo dio
che lo protegge,
e fulmina i nemici, faccia pure…
Ma a mè cosa ne viene,
cosa ò da fare con lui?
Io ò il mio dio, mio amore,
me lo sono tirato su io, che mi era nascosto…
E io me lo tengo geloso, come il mio uccello,
non lo mostro a nessuno,
che sarebbe vergognoso.

NOTA
Nella lettura porre attenzione agli accenti acuti e gravi per la
fondamentale distinzione tra suono stretto (é, ó, á nel dittongo ái) e largo (è, ò) delle vocali; o è largo anche quando non è accentato. La dieresi distingue ù francese da u italiano. Ggn sta Per doppio gn. p. Sia le $ che le z devono leggersi come la sonora di rosa.

Annunci